Al fine di dare una esperienza di navigazione più snella, il sito usa cookies anche di terze parti. Continuando la navigazione sul sito accetti l'uso dei cookies.

Speciali Tecnici

 Intro Guida passo passo per redigere un tipo mappale con righe8

La redazione di un tipo mappale in modesta entità può essere effettuato sia con la tecnica delle righe 4 e 5 oppure con la tecnica delle coordinate cartesiane ricavate dall'estratto di mappa. In questa guida vedremo come effettuare un tipo mappale per modesta entità con le righe8.

Vediamo un esempio pratico:

La prima cosa che dobbiamo fare è procurarci un software che ci permette di trasformare l'estratto di mappa in un file dxf o dwg, come ad esempio Estratto2000, ecc..

 1. Apriamo il nostro estratto con un programma cad e ne vediamo subito la vettorizzazione in coordinate catastali.

2. Dopo disegniamo la sagoma del nostro fabbricato, ne marchiamo gli estremi e l'area da ampliare con dei punti. (abbiamo disegnato in rosso per evidenziarlo, ma avremo linee nere e rosse), facciamo una rototraslazione in modo da far combaciare nel miglior modo possibile le sue sagome.

3. Ora tralasciamo il disegno cad e creiamo la pratica in pregeo come modesta entità.

4. Scegliamo la tipologia, nel nostro caso la 10

5. Ora ritorniamo al disegno cad, clicchiamo su un punto della sagoma reale (non l'estratto, anche se possono pure combaciare) e con il comando proprietà vediamo le coordinate X e Y del punto e le riportiamo in pregeo con un copia e incolla.

6. Con l'apposito tasto apriamo la schermata e inseriamo i punti per coordinate.

 

7. Clicchiamo su Planimetrico, Punto Utente, Tipi di Modesta Entità, il nome del punto e le coordinate. Con le impostazioni del cad standard abbiamo : X = Coord. Est   -   Y = Coord. Nord.

 

8. Creiamo il libretto con tutti i punti che ci servono, il contorno e la relazione tecnica.

9. Vediamo ora l'inserimento del modello censuario manualmente, però questi 3 passaggi (10, 11 e 12) li possiamo saltare in quanto alla fine Pregeo ci dà la possibilità della creazione automatica.

10. Particella Originaria 

11. Particella Variata

12. Salva e controllo formale.

Siti Amici

Sponsor

Sponsor