Al fine di dare una esperienza di navigazione più snella, il sito usa cookies anche di terze parti. Continuando la navigazione sul sito accetti l'uso dei cookies.

Cose di Casa

Intro Cos'è l'imu e come si calcola?

L' I.M.U. o meglio Imposta Municipale Unica è stata introdotta dall'art. 13 del D.L. n. 201 del 06/12/2011 (Decreto Salva Italia) e sostituisce ed assorbe in sè sia l'ICI che l'irpef per gli immobili sfitti ed altre addizionali regionali e comunali.

Le aliquote sono essenzialmente 2 e si differenziano in:

Tipo Immobile Aliquota base Incremento max Comune
1° Casa 0,40 % ± 0,20 %
Altri Immobili 0,76 % ± 0,30 %

 

Inoltre viene modificato il modo in cui si calcola il valore catastale dell'immobile che per le case adesso è : (Rendita Catastale + 5% + 60%) x 100
La rendita catastale è visionabile facendo una visura catastale dell'immobile o presso l'Agenzia del Territorio più vicina, o da un tecnico abilitato alla consultazione online delle visure o sul sito dell'Agenzia del Territorio all'indirizzo: http://sister2.agenziaterritorio.it/CitizenVisure/index.jsp ed inserendo il codice fiscale è possibile estrarre le rendite catastali dei propri immobili.
La prima rivalutazione del 5% viene introdotta dall'art. 3 comma 48 della Legge n. 662 del 23/12/1996 ed applicata fin dal 1997, la secoda rivalutazione del 60% (per abitazioni) viene introdotta invece dalla nuova normativa (Decreto salva Italia) e il tutto si moltiplica per 100 e si ottiene il nuovo valore catastale come base imponibile per il pagamento delle tasse.

Viene introdotto nuovamente il pagamento delle imposte sulla prima casa, (esentate negli ultimi anni) però sono state poste in essere delle detrazioni pari a 200,00 € fisse e in aggiunta altri 50,00 € per ogni figlio di età inferiore a 26 anni e residente nell'abitazione per un massimo di 200,00€ (4 figli e valevole per il 2012 e 2013) in quanto è stato posto il vincolo di detrazione massima di 400,00 €.

Concedere l'immobile ad uso gratuito non dà più beneficio alla detrazione come prima casa, però sarà dimezzata l'aliquota ordinaria se l'immobile è in affitto. Novità anche per chi essendo residente in Italia possiede anche case all'estero, in quanto dovrà pagare lo 0,76% sulla base del valore dell'immobile, valore che viene desunto dal rogito o dal valore di mercato della zona, però per evitare di pagare 2 volte un tributo, viene riconosciuto un credito d'imposta verso il paese dove si trova l'immobile (In pratica la tassa si paga in Italia e su richiesta viene trasferita al paese dove si trova l'immobile).

La normativa su IMU è in continua evoluzione, il governo dà facoltà ai comuni di estendere le agevolazioni prima casa anche a persone in casa di cura, quindi non residenti, e a coloro che essendo cittadini italiani, hanno la loro casa in Italia, ma risiedono all'estero, tutto a patto che non siano date in affitto ovviamente.

Per i genitori separati, solo l'assegnatario della casa è tenuto al pagamento, anche se non proprietario e potrà usufruire delle agevolazioni prima casa.

soldiIl pagamento

L'Imu sulla 1a Casa, ripetto all'ICI, tra abbattimenti e aliquote risulta un pò più alta, però la batosta maggiore viene data alle seconde case sfitte, i terreni edificabili e le attività che devono sostenere i buchi di bilancio dei Comuni, ormai a secco di entrate.
Il pagamento si effettua su Modello F24 o bollettino postale con scadenza al 16 Giugno e 16 Dicembre, anche se è possibile il pagamento unico dell'intero importo entro il 16 Giugno.
Ultimamente è stata introdotta anche la possibilità di rateizzazione con 3 scadenze Giugno, Settembre e Dicembre.

Categoria Aliquota 1 Aliquota 2 Moltiplicatore
A,C2,C6,C7  5% 60% 168,00
B,C3,C4,C5  5% 40% 147,00
A10,D5  5% 80% 84,00
D  5% 60% (65% dal 2013) 63,00 (68,25% dal 2013)
C1  5% 55% 57,75

Siti Amici

Sponsor

Sponsor